Anno berlingueriano

Enrico Berlinguer

La proposta dell’assemblea di Futura Umanità

di Gennaro Lopez – Un’assemblea partecipata e proficua, quella svoltasi nella mattinata del 25 gennaio scorso a Roma, nella sede dell’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, che è stata anche occasione per rinnovare le iscrizioni a Futura Umanità e per raccogliere nuove adesioni.

    Paolo Ciofi, presidente dell’associazione, ha proposto e illustrato il programma di attività per il 2014, sottolineandone i punti essenziali. Ricorre quest’anno il trentesimo anniversario della morte di Enrico Berlinguer: di qui l’idea di impegnare Futura Umanità in una serie di iniziative sotto il titolo unificante di “anno berlingueriano”. L’obiettivo è quello di porre al centro della riflessione e del dibattito l’ispirazione di fondo che orientò il pensiero e l’opera di Enrico Berlinguer, cioè il tema della trasformabilità in senso socialista della società in cui viviamo, facendo emergere la personalità fortemente innovatrice del dirigente comunista e rivoluzionario. Evitando comunque “letture” retoriche o agiografiche, si tratterà di confermare, anche in questa occasione, l’impostazione già sperimentata con successo in occasione del convegno su “Togliatti e la Costituzione” tenutosi nello scorso novembre. A tal fine, si costituirà un gruppo di lavoro che metterà a frutto le necessarie competenze, soprattutto storiche e storiografiche, a garanzia della qualità scientifica delle iniziative, tra le quali va annoverata anche la presentazione di libri di imminente pubblicazione. Al tempo stesso, ad evitare il rischio di rimanere ingabbiati nella stretta cerchia degli “addetti ai lavori” e per sollecitare, viceversa, l’interesse e la partecipazione dei più giovani, un convegno nazionale sulla figura di Enrico Berlinguer verrà organizzato in una sede universitaria, quella dell’ateneo Roma Tre. Altre iniziative legate all’ “anno berlingueriano” verranno organizzate nei territori in cui l’associazione è presente e non trascureranno la rievocazione e l’approfondimento di episodi riconducibili alla presenza di Berlinguer in quei medesimi territori.

    Tra le ulteriori proposte illustrate da Paolo Ciofi all’assemblea, ne vanno segnalate almeno due: quella di dar vita ad un’attività di tipo seminariale legata alla pubblicazione ed alla presentazione di lavori relativi al Pci, alla sua vicenda storica ed ai suoi protagonisti; quella, infine, di promuovere, d’intesa con un partner universitario, una ricerca mirante a poter disporre di una bibliografia costantemente aggiornata sulla storia del Pci.

    Il dibattito, nel corso del quale sono intervenuti Pasquale Voza, Fabio Vander, Imma Barbarossa, Bruno Ricca, Dino Greco, Eleonora Forenza, Franco Ottaviano, Corrado Morgia, Guido Liguori, Gianni Ferrara e Rossana Platone, ha offerto ulteriori, rilevanti spunti di riflessione, in particolare sulle proposte relative all’ “anno berlingueriano”: molte le idee e le suggestioni che costituiranno un ottimo punto di partenza per il gruppo di lavoro di prossima costituzione. Da più parti è stata segnalata la necessità di rafforzare la “battaglia delle idee” e di costruire sul territorio nazionale Futura Umanità, associando alle iniziative previste per il 2014 una vera a propria campagna per nuove adesioni.

    Va infine segnalato che l’assemblea ha approvato il bilancio illustrato Mario Ruggiano, il quale è stato chiamato a far parte del Comitato Direttivo dell’Associazione.